Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Cosa ha trasformato Venere in un inferno?

Monte Maat, un enorme vulcano a scudo, viene visualizzato in questa prospettiva tridimensionale generata dal computer della superficie di Venere. Questa immagine Magellan della NASA è stata rilasciata il 22 aprile 1992. Credito: NASA

Cosa ha trasformato Venere in un inferno?

Potrebbe essere stato semplicemente un sole in costante riscaldamento, ma una nuova ricerca suggerisce che i vulcani potrebbero aver avuto un ruolo nella creazione di un effetto serra incontrollato.

E la stessa storia del vulcanismo attivo ha quasi ucciso anche la Terra.

Terra e vulcano

Con quale frequenza la Terra ha subito massicci episodi di vulcanismo e quanto hanno influito negativamente quegli episodi sul nostro pianeta?

Per ottenere una risposta a queste domande, un team di ricercatori ha studiato la presenza di grandi province ignee (LIP), che sono enormi depositi di roccia nata dal magma sparsi in tutto il mondo.

L’unico modo per creare un LIP è aprire la crosta terrestre. Ciò può accadere quando le placche tettoniche divergono o quando i pennacchi del mantello salgono in superficie.

Durante la formazione di un LIP, tonnellate di gas serra vengono rilasciati nell’atmosfera, alterando drasticamente il clima . La formazione di un unico LIP dura circa cinque milioni di anni e hanno impatti devastanti sul clima. Sono stati persino collegati a più eventi di estinzione di massa rispetto a comete o asteroidi che hanno colpito la superficie terrestre.

Disastro della birra

Abbiamo solo un record incompleto di LIP sulla Terra. Questo perché il nostro pianeta riemerge costantemente attraverso la tettonica a zolle. Ma anche se l’attuale superficie della Terra ha solo circa 500 milioni di anni, geologi intelligenti sono stati in grado di scoprire i resti di LIP sepolti in profondità nella crosta.

Secondo la ricerca, recentemente pubblicata su The Planetary Science Journal , le singole LIP sembrano essere casuali.

Non esiste una causa nota che possa innescare la formazione di più LIP insieme. Inoltre, presumibilmente un singolo evento di formazione di LIP non altera in modo permanente un sistema climatico, perché la Terra ha sperimentato più formazioni di LIP e abbiamo ancora un clima stabile.

Tuttavia, una singola formazione di LIP può danneggiare un clima, aumentando drasticamente la temperatura dell’atmosfera attraverso l’effetto serra. E alcuni eventi di formazione LIP coincidono tra loro per puro caso. Sulla base della documentazione geologica , i ricercatori hanno scoperto che sono probabili eventi di formazione simultanea di LIP. Molti si verificano entro un milione di anni l’uno dall’altro, che è più breve della durata dell’impatto di uno solo.

La Venere in fuga

Più eventi di formazione LIP simultanei possono distruggere completamente un pianeta. Se troppi si spengono contemporaneamente, allora troppi gas serra fuoriescono nell’atmosfera. Questo può innescare un effetto di fuga. Se l’atmosfera intrappola troppo calore, gli oceani iniziano ad evaporare. Con più acqua nell’atmosfera, intrappola ancora più calore, riscaldando ulteriormente gli oceani. Il ciclo va avanti all’infinito, portando infine alla “morte termica” di un mondo temperato.

Ovviamente la Terra ha evitato questo destino, ma solo per la pelle dei nostri denti, secondo la ricerca. Se si fossero formati troppi LIP contemporaneamente, il nostro clima sarebbe potuto diventare eccessivamente caldo. Forse allora questo è quello che è successo al nostro pianeta gemello, Venere. Vediamo prove di molti vulcani estinti su Venere, anche se non sappiamo quanti siano stati cancellati dagli agenti atmosferici o dalla tettonica delle placche.

Se Venere avesse sperimentato troppi LIP contemporaneamente, avrebbe potuto innescare l’ effetto serra incontrollato che ha ucciso il mondo. Il prossimo passo in questa ricerca è cercare di capire quante LIP sono troppe e capire dove si trova il punto di svolta. Con il crescente interesse per Venere e le sonde spaziali sulla lavagna per esplorare quel pianeta, potremmo avere una finestra sulla storia del vulcanismo di quel pianeta. Mettere tutto insieme potrebbe rivelare la brutta storia di quel mondo contorto e maledetto.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.