Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Costituzione della Repubblica Italiana

Cosa ha che non va ?

 

costituzione-italiana

Il mantra che gli pseudo politici stanno cercando di inculcare nella mente degli stolti con la speranza che diventi una priorità ineludibile è: Si deve riformare la Costituzione.

E giù tutta una fila di dementi, che come con la freccia di ” bocca di rosa “, a ripetere ” di bocca in bocca ” che sì, la Costituzione va riformata, la Costituzione è troppo vecchia e generiche espressioni sulla ineludibilità del problema

Talk Show, testate di pseudo giornali e altisonanti nomi di pseudo giornalisti, persino il venditore di cineserie tutto a 1 Euro della bancarella del mercatino rionale, a dichiarare che la Costituzione è da riformare. Manca solo un plastico da mostrare ai beoni della tarda serata della quai ex tv di Stato.

Ma una domanda, una sola. Quella che potrebbe fare chiarezza, qualcuno, potrebbe farla ?

COSA HA LA COSTITUZIONE CHE NON VA ?

 Già, che cosa c’è che non va nella Costituzione?  E qui incominciano i guai. Inutile cercare una risposta tra la gente comune. Nessuno sa neppure di cosa si stia parlando e viene fuori che la Costituzione della Repubblica Italiana non la hanno neppure letta. Qualcuno ha vaghi ricordi di qualcosina dei banchi di scuola, prontamente rimossa causa l’imposizione dell’insegnate antipatico.

A prendere di mira un “professionista della politica” le cose cambiano. E ne viene fuori lo stesso di cui sopra. Ignoranza totale.  L’unica cosa su cui basano le risposte è: la lentezza della giustizia.

Nulla che abbia a che fare con la Costituzione. Nessuno di loro cita leggi come la Bossi-Fini, la Fini-Giovanardi, il “Pacchetto Sicurezza” di Maroni e continuano sulla debolezza dell’esecutivo, cioè governo e capo del governo, dimenticando che tutte le leggi passate nell’ultimo ventennio, sono state decise a Palazzo Chigi e approvate senza condizioni dalle due camere. I deputati sono diventati delle marionette che, sotto ricatto dei partiti che li hanno nominati, hanno solo obbedito ciecamente, tranne qualche sparuto rivoluzionario subito defenestrato.  I parlamentari, senza distinzione tra destra, sinistra, centro, hanno solo ratificato decisioni firma-costituzione-italiana1prese altrove. Spesso anche fuori dallo stesso stato a cui hanno prestato giuramento.

La Costituzione, quella originale, vera, scritta con il sangue di chi ha combattuto il fascismo e lottato per la libertà, firmata dai Padri Costituenti, ha solo una cosa che non va, contiene norme che mettono i bastoni tra le ruote di chi preferisce scorciatoie e aggiustamenti, fuori della legalità, di chi vorrebbe spedizioni punitive contro la magistratura oppure più arbitrio e meno trasparenza. Queste persone si nascondono dietro la facciata di “ce lo chiede l’Europa”. Ma non capiscono, per grettezza o malafede, che ciò che l’Europa ci chiede , quando vuole le riforme, è una lotta vera all’evasione fiscale, la semplificazione della burocrazia, combattere il conflitto di interessi e gli abusi d’ufficio. Certo non chi chiedono larghe intese o di spostare il potere e  il controllo sempre versol’alto impedendo l’intervento dei cittadini e neppure di dismettere la ” res publica “, i beni comuni, per metterli in mano ai soliti noti.

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.