Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


 

Dai voce alla tua attività ! Contattaci

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Domande su AstraZeneca

Credito: dominio pubblico Unsplash / CC0

Le domande persistenti sul fatto che i coaguli di sangue rari ma gravi tra coloro che ricevono il jab di AstraZeneca contro COVID-19 siano più frequenti che nella popolazione generale e che cosa li causa se lo sono, hanno continuato a minare la fiducia nel vaccino assediato.

L’Agenzia europea per i medicinali – che ha affermato che i benefici superano i rischi in modo tale che il vaccino rimanga in uso – fornirà una valutazione aggiornata la prossima settimana.

Cosa è stato osservato?

I coaguli di sangue osservati in una manciata di persone vaccinate con AstraZeneca sono descritti dall’Agenzia francese per i medicinali (ANSM) come “altamente atipici”.

“Questa trombosi delle grandi vene è insolitamente localizzata nel cervello, e ancor più raramente nel tratto digerente”, ha commentato l’agenzia.

È anche associato a una condizione caratterizzata da livelli anormalmente bassi di piastrine, che sono piccoli frammenti di cellule nel nostro sangue che formano coaguli per fermare o prevenire il sanguinamento.

A metà marzo il regolatore tedesco dei medicinali, l’Istituto Paul Ehrlich (PEI), è stata la prima autorità sanitaria nazionale a segnalare quello che hanno descritto come un numero eccessivamente alto di casi che coinvolgono questi rari coaguli di sangue cerebrale, soprattutto nelle donne giovani e di mezza età.

Secondo alcuni specialisti, questo insieme di sintomi indicava la cosiddetta coagulazione intravascolare disseminata (DIC), in cui si formano coaguli di sangue in tutto il corpo.

Visto anche in casi estremi di sepsi, questa condizione coinvolge “sia la trombosi che l’emorragia”, ha detto all’AFP Odile Launay, un membro dell’ente scientifico che consiglia il governo francese sui vaccini COVID-19.

Collegamento con il vaccino?

“Un nesso causale con il vaccino non è dimostrato ma è possibile, e ulteriori analisi stanno continuando”, ha detto l’EMA la scorsa settimana.

L’agenzia dovrebbe incontrarsi sulla questione dal 6 al 9 aprile.

Altri specialisti erano più categorici.

“Dobbiamo smetterla di speculare sull’esistenza o meno di un collegamento: tutti i casi hanno mostrato questi sintomi da tre a dieci giorni dopo l’inoculazione con il vaccino AstraZeneca”, Pal Andre Holme, che dirige un team dell’ospedale nazionale di Oslo che lavora su questi casi, ha detto alla televisione norvegese.

“Non abbiamo trovato nessun altro fattore scatenante”.

L’agenzia nazionale norvegese per i medicinali ha sostenuto questa valutazione, con uno dei loro dirigenti, Steinar Madsen, affermando che “probabilmente c’è un collegamento con il vaccino”.

Da parte sua, l’ANSM francese, indicando “il tipo molto insolito di trombosi, un profilo clinico simile e tempi di insorgenza simili”, ha affermato che esiste un rischio “piccolo”.

Quanto è grande il rischio?

Al 31 marzo, l’EMA ha identificato 62 casi di trombosi del seno venoso cerebrale (CVST) nel mondo, 44 ​​dei quali in Europa, tra i 9,2 milioni di dosi di AstraZeneca somministrate.

Di questi, 14 hanno provocato la morte, anche se non è possibile attribuire definitivamente i decessi a questa rara forma di trombosi, ha detto la scorsa settimana in videoconferenza il capo dell’EMA, Emer Cooke.

Le statistiche, ha aggiunto, sono complete o vicine.

In Germania, ci sono stati 31 casi sospetti di CVST – 19 accompagnati da un calo delle piastrine nel sangue – con nove decessi, secondo l’Istituto Paul-Ehrlich.

Questi casi sono stati distribuiti su 2,8 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca iniettate, o poco più di un caso ogni 100.000 dosi.

Le cifre comparabili per la Francia sono 12 casi e quattro decessi su 1,9 milioni di dosi, e per la Norvegia, cinque casi e tre decessi su 120.000 dosi.

La Gran Bretagna, dove AstraZeneca è stata somministrata più che in qualsiasi altro paese, ha registrato 30 casi fino a sabato, inclusi sette decessi, per un totale di 18,1 milioni di dosi.

Ma come è vero per tutti i farmaci, i rischi devono essere sempre valutati rispetto ai benefici.

“Tutti preferiremmo avere farmaci sicuri al 100% ma non esistono”, ha detto la scorsa settimana Adam Finn, professore di pediatria all’Università di Bristol, al Science Media Center di Londra, commentando i nuovi divieti del Vaccino AstraZeneca in Germania e altrove.

“In questo momento il rischio più grande per le nostre vite e mezzi di sussistenza in tutto il mondo è COVID-19”, ha aggiunto Finn. “Dobbiamo rimanere concentrati sulla necessità di evitare che si tolgano milioni di vite in più prima che sia portato sotto controllo e l’unico modo efficace per farlo è attraverso la vaccinazione”.

L’EMA ha ripetuto costantemente questo punto di vista.

“I benefici del vaccino AstraZeneca nella prevenzione del COVID-19, con il rischio associato di ospedalizzazione e morte, superano i rischi di effetti collaterali”, si legge in una dichiarazione del 31 marzo.

Fattori di rischio?

La maggior parte dei casi di trombosi cerebrale si è verificata in soggetti sotto i 65 anni, ma è impossibile trarre conclusioni sull’età perché il vaccino è stato somministrato fino ad oggi principalmente tra le popolazioni più giovani.

Il fatto che la maggior parte dei casi sia stata tra le donne può semplicemente riflettere il fatto che al settore sanitario – prevalentemente donne – è stata data la priorità per la vaccinazione.

“Al momento la revisione non ha identificato alcun fattore di rischio specifico, come l’età, il sesso o una precedente storia medica di disturbi della coagulazione per questi eventi molto rari”, ha detto l’EMA.

Tuttavia, dopo che alcuni paesi hanno temporaneamente sospeso il jab AstraZeneca a metà marzo, diversi paesi hanno nuovamente sospeso il vaccino.

La settimana scorsa la Germania ha deciso di vietarne l’uso ai minori di 60 anni, mentre in Canada, come in Francia, la soglia di età è di 55 anni. In Svezia la soglia di età è di 65 anni.

“Non abbiamo un solo vaccino, ne abbiamo diversi”, ha scritto sulla rivista Science Sandra Ciesek, professoressa di virologia medica presso l’Università Goethe di Francoforte.

“Quindi, limitare il vaccino AstraZeneca alle persone anziane ha senso per me.”

La Norvegia e la Svezia hanno intrapreso il passo più radicale di sospendere del tutto il vaccino AstraZeneca.

Possibili spiegazioni?

Per il momento, ci sono solo ipotesi, anche se l’EMA dovrebbe suggerire la prossima settimana quali sono le più probabili.

In uno studio pubblicato il 28 marzo che non è stato ancora sottoposto a peer review, ricercatori tedeschi e austriaci hanno indicato un meccanismo biologico noto come possibile spiegazione per l’apparente ondata di trombosi atipica.

Il vaccino AstraZeneca, hanno scritto, è associato a un disturbo della trombosi “che clinicamente somiglia alla trombocitopenia indotta da eparina (HIT)”.

L’HIT è una reazione rara e grave del sistema immunitario al farmaco anticoagulante eparina.

Gli autori, guidati da Andreas Greinacher dell’Università di Greifswald, hanno proposto un nome per quella che hanno descritto come una nuova sindrome: “trombocitopenia immune protrombotica indotta da vaccino (VIPIT)”.

I ricercatori dell’Oslo National Hospital avevano precedentemente suggerito che i casi potrebbero essere stati innescati da una “potente risposta immunitaria” al vaccino .

Un’associazione di scienziati e medici francesi chiamata “On the Side of Science” ha affermato che una tale risposta immunitaria potrebbe provenire dall’inserimento accidentale dell’ago in una vena della parte superiore del braccio, piuttosto che dal muscolo.

 

 

(Visited 27 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Top 10 Articoli
1.346