Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Uno studio identifica possibili farmaci COVID-19, inclusi molti approvati dalla FDA

Micrografia elettronica a trasmissione di particelle di virus SARS-CoV-2, isolate da un paziente. Immagine acquisita e migliorata dal colore presso il NIAID Integrated Research Facility (IRF) a Fort Detrick, nel Maryland. Credito: NIAID

Un team guidato da scienziati della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania ha identificato nove potenziali nuovi trattamenti COVID-19, di cui tre già approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento di altre malattie.

Il team, i cui risultati sono stati pubblicati su Cell Reports , ha esaminato migliaia di farmaci esistenti e molecole simili a farmaci per la loro capacità di inibire la replicazione del coronavirus che causa COVID-19, SARS-CoV-2. Contrariamente a molti studi precedenti, gli schermi hanno testato le molecole per l’attività anti-coronavirale in una varietà di tipi di cellule, comprese le cellule di rivestimento delle vie aeree umane che sono simili a quelle principalmente colpite da COVID-19.

Dei nove farmaci trovati per ridurre la replicazione della SARS-CoV-2 nelle cellule respiratorie, tre hanno già l’approvazione della FDA: il farmaco per il rigetto del trapianto ciclosporina, il farmaco antitumorale dacomitinib e l’antibiotico salinomicina. Questi potrebbero essere rapidamente testati su volontari umani e pazienti COVID-19.

Gli esperimenti hanno anche fatto luce sui processi chiave utilizzati dal coronavirus per infettare cellule diverse e hanno scoperto che il farmaco antivirale remdesivir, che ha un’autorizzazione per l’uso di emergenza della FDA per il trattamento di COVID-19, sembra funzionare contro il virus nei test di coltura cellulare sulle vie respiratorie. cellule, mentre l’idrossiclorochina no.

“Le nostre scoperte qui suggeriscono nuove strade per interventi terapeutici contro COVID-19, e sottolineano anche l’importanza di testare farmaci candidati nelle cellule respiratorie”, ha detto l’autore co-senior Sara Cherry, Ph.D., professore di Patologia e Medicina di Laboratorio e direttore scientifico dell’High-Throughput Screening (HTS) Core presso Penn Medicine.

I collaboratori dello studio includevano autori co-senior David Schultz, Ph.D., direttore tecnico dell’HTS Core, e Holly Ramage, Ph.D., assistente professore di microbiologia e immunologia presso la Thomas Jefferson University.

Sebbene siano stati compiuti grandi progressi nello sviluppo di vaccini e trattamenti per il coronavirus SARS-CoV-2, c’è ancora molto spazio per miglioramenti. Negli Stati Uniti, gli unici trattamenti antivirali COVID-19 che hanno ricevuto l’autorizzazione per l’uso di emergenza della FDA – remdesivir e diverse preparazioni di anticorpi anti-SARS-CoV-2 – sono costosi e tutt’altro che efficaci al 100%.

Per il loro progetto di screening, Cherry e colleghi hanno assemblato una libreria di 3.059 composti, inclusi circa 1.000 farmaci approvati dalla FDA e più di 2.000 molecole simili a farmaci che hanno mostrato attività contro target biologici definiti. Hanno quindi testato tutti questi per la loro capacità di inibire in modo significativo la replicazione di SARS-CoV-2 nelle cellule infette, senza causare molta tossicità.

Inizialmente, hanno eseguito schermi antivirali utilizzando tipi di cellule che potevano crescere facilmente in laboratorio e infettare con SARS-CoV-2, ovvero cellule renali di scimmia verde africana, e una linea cellulare derivata da cellule epatiche umane. Con questi screening, hanno identificato e convalidato diversi composti che hanno funzionato nelle cellule renali di scimmia e 23 che hanno funzionato nelle cellule epatiche umane. L’idrossiclorochina, che è usata come farmaco contro la malaria, e il remdesivir, sono risultati efficaci in entrambi i tipi di cellule.

Poiché SARS-CoV-2 è principalmente un virus respiratorio e si ritiene che inizi le infezioni attraverso le cellule che rivestono le vie aeree, i ricercatori hanno cercato un tipo di cellula respiratoria che potevano infettare sperimentalmente con il virus. Alla fine hanno identificato una linea cellulare adatta, Calu-3, che è derivata da cellule di rivestimento delle vie aeree umane. Hanno usato queste cellule di derivazione respiratoria per testare i composti antivirali identificati attraverso lo screening delle cellule epatiche umane e hanno scoperto che solo nove avevano attività nelle nuove cellule. I nove non includevano l’idrossiclorochina. (Remdesivir ha funzionato nelle celle Calu-3 ma non è stato incluso nell’elenco perché è già in uso contro COVID-19.)

Identificando diversi set di farmaci che funzionano in diversi , i ricercatori hanno anche fatto luce sui meccanismi che SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l’accesso alle cellule. I risultati suggeriscono che nelle cellule del rene e del fegato, il virus utilizza un meccanismo che può essere interrotto, ad esempio, dall’idrossiclorochina; tuttavia il virus sembra utilizzare un meccanismo diverso nelle cellule respiratorie, spiegando così la mancanza di successo dell’idrossiclorochina in quelle cellule e negli studi clinici COVID-19.

I nove antivirali attivi nelle cellule respiratorie includevano la salinomicina, un antibiotico veterinario che viene anche studiato come farmaco antitumorale; l’inibitore dell’enzima chinasi dacomitinib, un farmaco antitumorale; bemcentinib, un altro inibitore della chinasi attualmente in fase di test contro i tumori; il farmaco antistaminico ebastina; e ciclosporina, un farmaco immunosoppressore comunemente usato per prevenire il rigetto immunitario degli organi trapiantati.

Lo studio evidenzia che la ciclosporina è particolarmente promettente, poiché sembra funzionare contro SARS-CoV-2 nelle cellule respiratorie e non respiratorie e attraverso due meccanismi distinti: inibire gli enzimi cellulari chiamati ciclofiline, che il dirotta per sostenersi e sopprimere il infiammazione potenzialmente letale di COVID-19 grave.

“Ci possono essere importanti vantaggi nell’uso della ciclosporina nei pazienti COVID-19 ospedalizzati, e gli in corso alla Penn e altrove stanno testando questa ipotesi”, ha detto Cherry.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.