Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


 

Dai voce alla tua attività ! Contattaci

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Vaccino COVID-19 orale in fase di sperimentazione

(HealthDay) – I ricercatori della California stanno testando se un vaccino orale offre una protezione simile o migliore rispetto agli attuali colpi di COVID-19.

Il vaccino  a somministrazione orale in fase di sviluppo presso il Chan Soon-Shiong Research Institute di El Segundo è in fase di sperimentazione su volontari sani,  ha riportato CBS News.

I vaccini esistenti promuovono la produzione di anticorpi contro la proteina spike sulla superficie del coronavirus che causa COVID-19, ma il vaccino orale a cellule T ImmunityBio colpisce il globo nel mezzo del virus, una parte che è meno incline alla mutazione, secondo scienziati. “E il valore di farlo è che generiamo cellule T killer”, ha detto a CBS News il fondatore e presidente esecutivo di ImmunityBio Patrick Soon-Shiong, MD .

I ricercatori di ImmunityBio ritengono di poter creare una protezione a lungo termine generando sia anticorpi che cellule T killer.

ImmunityBio e NantKwest annunciano l’autorizzazione della FDA a studiare il vaccino COVID-19 a cellule T hAd5 per la combinazione di boost sottocutaneo, orale e sublinguale per indurre l’immunità delle cellule T, della mucosa e degli anticorpi

  • La FDA ha autorizzato l’espansione della sperimentazione sul vaccino COVID-19 attiva di fase 1 e una seconda sperimentazione per testare una nuova combinazione di vaccino primario sottocutaneo hAd5 a base di cellule T con una spinta orale o sublinguale a temperatura ambiente, per indurre una protezione immunitaria completa attraverso CD4 + e cellule T CD8 + per gli antigeni Spike (S) e Nucleocapsid (N), oltre a generare anticorpi sistemici e della mucosa
  • I primi studi COVID-19 condotti per fornire proteine ​​S e N attraverso molteplici vie (pelle, intestino o sotto la lingua) per attivare l’intero sistema immunitario e guidare la memoria delle cellule T e B, che sono necessarie per termine protezione immunitaria
  • L’aumento orale della temperatura ambiente che stimola l’immunità alle proteine ​​S e N potrebbe potenzialmente servire da spinta universale ad altri vaccini a base di S e allo stesso tempo prendere di mira i mutanti di fuga
  • Il test di una nuova combinazione di boost orale al primo sottocutaneo si basa su dati positivi sui primati non umani sponsorizzati da NIH / BARDA che mostrano una potente risposta dei linfociti T e degli anticorpi a hAd5 dopo boost orale, con rapida inibizione della replicazione del virus a livelli non rilevabili dopo SARS- Sfida CoV-2

CULVER CITY, California, 11 febbraio 2021 – ImmunityBio, Inc., una società privata di immunoterapia, e NantKwest, Inc. (NASDAQ: NK), una società terapeutica basata su cellule natural killer in fase clinica, hanno annunciato oggi di aver ricevuto l’autorizzazione della FDA per espandere i test di Fase I un vaccino COVID-19 a cellule T hAd5 bivalenti. La FDA ha autorizzato l’espansione di uno studio multi-coorte attualmente attivo della versione sottocutanea del vaccino al fine di studiare l’aggiunta di boost sublinguali. La FDA ha anche autorizzato un secondo studio di Fase I che esaminerà l’aggiunta di una spinta orale alla somministrazione primaria sottocutanea. Di conseguenza, le aziende arruoleranno altri 105 partecipanti alle sperimentazioni statunitensi del loro candidato vaccino, che è unico nel mirare sia alle proteine ​​spike (S) che nucleocapsid (N) del virus SARS-CoV-2.

Le aspettative di indurre risposte immunitarie protettive nei volontari sani – con questo nuova combinazione di una spinta per via orale con un primo sottocutaneo – si basano sui risultati positivi, presentate nel NIH / BARDA sponsorizzato primate non umano (PHN)  studio. Questi dati recenti hanno mostrato che, quando somministrato con una spinta orale, il vaccino bivalente ha provocato una potente stimolazione dei linfociti T specifici S e N con un potente rilascio di anticorpi dai linfociti B della memoria a seguito di stimolazione virale. Inoltre, l’attivazione del sistema immunitario completo da parte delle proteine ​​S e N ha portato alla completa eliminazione virale di SARS-CoV-2 nei passaggi polmonari e nasali dopo la sfida. Sulla base di questi risultati, ImmunityBio ha ampliato l’attuale studio di Fase 1 sul primo sottocutaneo con boost orale o sublinguale per esplorare il potenziale di questo vaccino di seconda generazione per ridurre la malattia e la trasmissione del virus.

Lo studio orale è un nuovo studio (NCT04732468) e lo studio sublinguale è l’espansione della coorte C allo studio sottocutaneo di fase 1 (NCT04591717), che è stato avviato lo scorso autunno. Sia le prove orali che quelle sublinguali dovrebbero iniziare questo mese e saranno condotte in due siti in California. Sulla base dei risultati di questi studi che hanno coinvolto oltre 100 partecipanti, la combinazione ottimale di via di somministrazione e dose sarà determinata e inserita nel disegno di Fase 2/3.

“I risultati dello studio NHP rafforzano la nostra ipotesi che un vaccino a base di cellule T potrebbe essere protettivo, non solo nel prevenire malattie lievi, moderate e gravi, ma anche nel limitare potenzialmente la trasmissione del virus”, ha detto Patrick Soon-Shiong, MD , Presidente e CEO di ImmunityBio. “Riteniamo che la chiave per creare un’immunità a lungo termine al virus SARS-CoV-2 e superare le varianti che si stanno rapidamente sviluppando in tutto il mondo sia creare un vaccino che attivi non solo gli anticorpi, ma anche i linfociti B e T di memoria a più antigeni. Inoltre, le formulazioni stabili a temperatura ambiente per la somministrazione orale hanno il potenziale per risolvere le sfide della catena del freddo della distribuzione e la capacità di generare barriere anticorpali IgA della mucosa al virus nel tratto respiratorio superiore dove entra per la prima volta nel corpo “.

Un vaccino, due prove, tre vie di protezione immunitaria

Le prime due coorti dello studio di fase Ib, in aperto, a dosaggio variabile (NCT04591717) del vaccino hanno ricevuto due diversi livelli di dose (0,5 e 1 ml). I partecipanti hanno ricevuto due iniezioni sottocutanee a 21 giorni di distanza. Nessun evento avverso di grado tre o quattro e nessun evento avverso è stato osservato a entrambi i livelli di dose e, nel gruppo con dose intermedia (1 ml), l’immunogenicità è stata osservata già 14 giorni dopo il primo. Verrà arruolato un ulteriore gruppo di 40 soggetti per valutare sicurezza, reattogenicità e immunogenicità della combinazione di hAd5 in quattro diverse coorti che ricevono formulazioni sublinguali e sottocutanee per selezionare una dose di combinazione ottimale per studi futuri.

Il secondo studio di fase 1b (NCT04732468) è progettato per valutare la sicurezza, la reattogenicità e l’immunogenicità della combinazione di hAd5 in capsule orali e formulazioni sottocutanee; e per selezionare una dose di combinazione ottimale per studi futuri. Fino a 65 soggetti saranno arruolati nello studio di quattro coorti, che dovrebbe iniziare nel primo trimestre.

Informazioni sul candidato al vaccino a base di cellule T.

Sviluppato da ImmunityBio e prodotto da NantKwest, questo vaccino vettoriale di seconda generazione hAd5 è unico nel mirare alle proteine ​​SARS-CoV-2 spike (S) e nucleocapside (N) per generare memoria delle cellule B e T a questi antigeni e immunità a lungo termine a il virus. La maggior parte dei vaccini COVID-19 approvati dalla FDA o in studi clinici in fase avanzata forniscono solo la proteina spike, che è già mutata più volte. Un’altra caratteristica unica del design hAd5 è l’uso di una piattaforma hAd5 di seconda generazione che è stata sviluppata per suscitare risposte immunitarie anti-SARS-CoV-2 anche in individui immuni da Ad, il che significa che i soggetti possono ricevere il vaccino più volte, se necessario. La stimolazione delle risposte immunitarie anti-hAd5 è attenuata con la piattaforma di seconda generazione rispetto alle piattaforme di prima generazione,a causa di ulteriori delezioni genetiche. Le capsule orali stabili a temperatura ambiente hAd5 sono state sviluppate in collaborazione con la società di biotecnologia con sede nel Regno Unito iosBio.

Gli studi di fase I sono stati avviati negli Stati Uniti e il reclutamento inizierà a febbraio a Città del Capo, in Sud Africa, per una sperimentazione (NCT04710303) di somministrazione sottocutanea seguita da ulteriori prove che utilizzano la consegna sublinguale e capsule orali stabili a temperatura ambiente.

 

 

(Visited 16 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Top 10 Articoli
1.346