Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Guarisci o torna al lavoro? Perché alcuni paesi europei vogliono che il personale malato torni mentre altri lo lasciano per riprendersi

Lavoro e malattia nel mondo

Quando un dipendente è assente dal lavoro per malattia in Italia, gli viene corrisposto un sussidio che potrebbe essere tradotto letteralmente in inglese come “risarcimento per malattia”. Allo stesso modo, se quella persona lavorasse in Spagna, la sua situazione verrebbe descritta come “incapacità temporanea”.

Tuttavia, se lavorassero in Svezia, sarebbero “persone assicurate con ridotta capacità lavorativa”. E nel Regno Unito, questo lavoratore potrebbe essere valutato come “non idoneo al lavoro” o “potrebbe essere idoneo al lavoro”.

Questo significa che i legislatori sono più ottimisti in Svezia e nel Regno Unito, perché parlano di “capacità” e “idoneità” invece di “incapacità” e “malattia”? Italia e Spagna vedono il bicchiere mezzo vuoto, mentre gli altri lo vedono mezzo pieno?

La verità è che queste differenze nell’uso del linguaggio giuridico illustrano la coesistenza di due prospettive molto diverse sulla stessa questione: se un dipendente malato stia meglio a casa o al lavoro durante la convalescenza. La risposta determina la configurazione della protezione sociale da fornire.

Aumento dei costi di congedo per malattia

Tutti i dipendenti dell’Unione europea hanno diritto al congedo per malattia quando un problema di salute impedisce loro di svolgere il proprio lavoro. Tale diritto è integrato dal diritto a ricevere un’indennità di malattia che compensi la perdita di stipendio durante la loro assenza. Entrambi i diritti hanno implicazioni economiche significative per le imprese ei sistemi di protezione sociale. Pertanto, vi è una preoccupazione tra i datori di lavoro e i governi sui costi dell’assenza dal lavoro per malattia.

Nonostante esistano in tutta Europa , né il congedo per malattia né l’indennità di malattia sono stati armonizzati nell’Unione Europea, quindi le normative nazionali differiscono ampiamente per quanto riguarda la copertura, la durata e il livello di protezione. Tra queste differenze, meritano un esame più approfondito i diversi modi in cui i sistemi di protezione sociale affrontano il ritorno al lavoro dei dipendenti in congedo per malattia.

In effetti, questo è il fulcro di alcune profonde riforme dei regimi di congedo per malattia che sono state attuate negli ultimi due decenni. Tali riforme sono state realizzate con il duplice obiettivo di arrestare l’aumento dei costi dei sussidi pubblici per malattia e invalidità e di tutelare la salute e la capacità lavorativa dei dipendenti.

Recupero completo o rientro assistito al lavoro?

Alcuni stati, come la Spagna, mantengono una concezione tradizionale del congedo per malattia: i dipendenti non dovrebbero tornare al lavoro fino a quando non si saranno completamente ripresi dalla malattia. Per questo motivo, il congedo per malattia dura fino a quando un medico certifica che il dipendente è in grado di lavorare. Ciò significa riprendere tutte le proprie responsabilità sul lavoro nella stessa misura e con la stessa intensità di prima della loro assenza. Di norma non sono necessarie misure transitorie per il reinserimento.

Questo modello è stato superato in paesi come Paesi Bassi, Svezia e Regno Unito, dove i programmi di benefit hanno spostato l’enfasi da ciò che i dipendenti non possono fare a ciò che possono fare mentre sono malati. Sulla base dell’evidenza scientifica che le malattie che riducono a zero la capacità lavorativa dei dipendenti per lungo tempo sono meno comuni, i dipendenti sono incoraggiati a tornare al lavoro il prima possibile.

Di conseguenza, i datori di lavoro sono obbligati a fornire loro l’assistenza necessaria per riprendere il lavoro durante il recupero. Tale assistenza può comportare, ad esempio, la limitazione dei compiti che svolgono o l’adeguamento del posto di lavoro al proprio stato di salute. Ciò mitiga anche alcune delle conseguenze negative che l’assenza può avere per i dipendenti, come la perdita di opportunità di promozione o formazione.

Le implicazioni pratiche di entrambi i modelli possono essere meglio comprese con un esempio. Immaginiamo un magazziniere che improvvisamente ha mal di schiena. In Spagna, questo dipendente sarebbe probabilmente assente dal lavoro fino a quando non sarà completamente riabilitato. Per motivi di salute e sicurezza, l’adattamento del suo lavoro verrebbe preso in considerazione solo se i suoi compiti precedenti comportassero nuovi rischi al suo ritorno al lavoro.

D’altra parte, nel secondo gruppo di paesi, sarebbe molto probabilmente tornato al lavoro dopo che il dolore peggiore fosse cessato. Ciò è dovuto all’osservazione medica che l’inattività è dannosa per molti disturbi muscoloscheletrici e che mantenere un livello moderato di lavoro può essere benefico, anche se alcuni sintomi persistono. Ad esempio, potrebbe svolgere provvisoriamente compiti in ufficio che non richiedono il sollevamento di carichi pesanti o lavorare a orari ridotti per evitare uno sforzo eccessivo.

Cosa significa per il lavoro sostenibile

Facilitare il ritorno al lavoro dei dipendenti in congedo per malattia ha vantaggi a tutto tondo. Il vantaggio più importante è che, riducendo la durata dell’inattività allo stretto necessario, diminuiscono le possibilità che il dipendente alla fine esca definitivamente dalla forza lavoro e diventi dipendente da prestazioni di inabilità o invalidità . Infatti, è stato notato che più tempo un dipendente è assente, più è probabile che non torni al lavoro.

In un contesto di invecchiamento della popolazione, sembra chiaro che le politiche di ritorno al lavoro dovrebbero essere ampiamente adottate per sostenere le persone che rimangono al lavoro per tutta una vita lavorativa estesa e sana.

Un altro vantaggio è che, a differenza delle misure specificamente pensate per i dipendenti con disabilità o malattie professionali, le misure di rientro al lavoro possono beneficiare ogni lavoratore assente dal lavoro per qualsiasi problema di salute. Ciò è particolarmente importante per i lavoratori con malattie croniche , un gruppo vulnerabile notoriamente in aumento in Europa.

 

This article is republished and translated from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

Lascia un commento