Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Il mondo potrebbe davvero diventare nucleare

NUOVO NUCLEARE: questo AP-1000 in costruzione in Georgia è uno dei quattro nuovi reattori negli Stati Uniti Credit: Courtesy of Georgia Power

In soli due decenni la Svezia è passata dalla combustione del petrolio per la generazione di elettricità alla fissione dell’uranio . E se il mondo nel suo insieme seguisse questo esempio, tutte le centrali elettriche alimentate a combustibili fossili potrebbero essere sostituite con impianti nucleari in poco più di 30 anni. Questa è la conclusione di un nuovo grande piano nucleare pubblicato il 13 maggio su PLoS One . Un tale cambiamento ridurrebbe drasticamente le emissioni di gas serra, raggiungendo quasi obiettivi globali tanto ambiziosi per combattere il cambiamento climatico. Anche la crescente domanda di elettricità, concentrata nei paesi in via di sviluppo, potrebbe essere soddisfatta. Tutto ciò che manca è la ricchezza, la volontà e i mezzi per costruire centinaia di reattori a fissione , in gran parte a causa delle preoccupazioni sulla sicurezza e sui costi.

“Se siamo seri nell’affrontare emissioni e cambiamenti climatici, nessuna fonte climaticamente neutra dovrebbe essere ignorata”, sostiene Staffan Qvist, fisico dell’Università di Uppsala, che ha guidato lo sforzo per sviluppare questo piano nucleare. “Il mantra ‘il nucleare non può essere fatto abbastanza velocemente per affrontare il cambiamento climatico’ è uno dei più pervasivi nel dibattito odierno e per lo più solo considerato vero, mentre i dati dimostrano l’esatto contrario”.

I dati su cui Qvist e il suo coautore Barry Brook, ecologista e modellatore informatico dell’Università della Tasmania, hanno fatto affidamento provengono da due paesi europei: Svezia e Francia. Gli svedesi iniziarono la ricerca per costruire reattori nucleari nel 1962 nel tentativo di impedire al paese di bruciare petrolio per l’energia e per proteggere i fiumi dalle dighe idroelettriche. Nel 1972, il primo reattore ad acqua bollente a Oskarshamn iniziò a ospitare la fissione e a sfornare elettricità. Il costo era di circa $ 1.400 per kilowatt di capacità elettrica (in dollari del 2005), che è economico rispetto ai $ 7.000 per kilowatt di capacità elettrica di due nuovi reattori nucleari avanzati in costruzione negli Stati Uniti in questo momento. Nel 1986, con l’aggiunta di altri 11 reattori, metà dell’elettricità svedese proveniva dall’energia nucleare e le emissioni di anidride carbonica per ogni svedese erano diminuite del 75% rispetto al picco del 1970.

La Francia, una nazione più grande, ha una storia nucleare simile da raccontare, svezzandosi dai combustibili fossili importati costruendo 59 reattori nucleari negli anni ’70 e ’80 che producono circa l’80% del fabbisogno elettrico della nazione oggi.

Tutto ciò che sarebbe richiesto a Cina, India e Stati Uniti del mondo per emulare questi due pionieri del nucleare è “volontà politica, pianificazione economica strategica e accettazione pubblica”, scrivono Qvist e Brook. Ad esempio, le nazioni dovrebbero impegnarsi in un progetto unico per i reattori, come è accaduto in Francia e Svezia, nonché mandati che richiedono servizi di pubblica utilità per costruire detti reattori e sostegno finanziario per la costruzione da parte del governo nazionale. “Lo stato ha reagito a una crisi, a quel tempo i prezzi del petrolio, e ha implementato un piano, che in 15 anni ha risolto rapidamente il problema”, afferma Qvist. “Si potrebbero attrarre analogie con la crisi che abbiamo oggi: il cambiamento climatico “.

Sulla base dei numeri estratti dal team di ricerca dall’esperienza di Svezia e Francia e su scala mondiale, uno scenario migliore per la conversione al 100% di energia nucleare potrebbe consentire al mondo di smettere di bruciare combustibili fossili e iniziare a fissione l’uranio per produrre elettricità all’interno 34 anni. I requisiti per questo cambiamento di rotta includerebbero l’estrazione e la lavorazione dell’uranio ampliate, la costruzione della rete elettrica e l’impegno a sviluppare e costruire reattori veloci : una tecnologia nucleare che opera con neutroni più veloci e quindi può gestire scorie radioattive, come plutonio, per il carburante e per creare il proprio futuro carburante. Nessun’altra fonte di elettricità a emissioni zero è stata ampliata neanche lontanamente alla velocità del nucleare”, afferma Qvist.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) prevede che l’energia nucleare si espanderà in tutto il mondo entro il 2030 man mano che verranno costruiti più reattori in Asia e Medio Oriente e l’uso del nucleare potrebbe crescere fino al 68% se tutti i reattori proposti fossero costruiti. Ma le prospettive nucleari non sono così brillanti come potrebbero essere. La più grande flotta nucleare del mondo, i 99 reattori degli Stati Uniti, produce oltre il 60 per cento dell’elettricità a base di CO2 della nazione, anche con la rapida crescita delle energie rinnovabili. In effetti, il nuovo Clean Power Plan dell’amministrazione Obamafa affidamento sui reattori esistenti per aiutare gli stati a raggiungere gli obiettivi di riduzione dei gas serra. Ma la flotta statunitense si sta restringendo, non crescendo, nonostante quattro nuovi reattori attualmente in costruzione, poiché l’energia nucleare non può competere in alcuni stati con il costo dell’elettricità generata dal gas naturale a basso costo e dall’energia eolica a basso costo.

Il Giappone continua a lottare per riaccendere i suoi reattori nucleari sulla scia del crollo di Fukushima . La Germania si sta muovendo nella direzione opposta a un grande piano nucleare, preparandosi a eliminare gradualmente la sua flotta. Inoltre, Finlandia e Francia sono inciampate nelle offerte per completare nuovi reattori nucleari a prova di guasto, progetti con programmi di costruzione e costi che sono aumentati vertiginosamente.

In Cina, la nazione che attualmente sta costruendo le centrali nucleari più nuove e tecnologicamente diversificate , l’espansione basata sulla fissione è sminuita di oltre 10 a uno dal conteggio delle centrali elettriche a carbone del paese. E la Russia gestisce gli unici reattori veloci al mondo in funzione – il BN-600 e il BN-800 – ma, come la General Electric prima, ha trovato un mercato limitato per la tecnologia a livello globale, in parte a causa delle preoccupazioni sul potenziale per creare gli ingredienti per ancora più armi nucleari.

Anche la Svezia modello sta rimuginando sul ritiro dei suoi reattori, avendo già chiuso i due a Barseback in anticipo. Di conseguenza, altre centinaia di milioni di tonnellate di CO2 vengono scaricate nell’atmosfera terrestre, poiché vengono bruciati più combustibili fossili per sostituire l’energia nucleare perduta. Allo stesso modo, la Francia ha approvato una legislazione per abbandonare la sua dipendenza dall’energia nucleare a favore delle energie rinnovabili. Anche l’AIEA prevede che la dipendenza dal nucleare si ridurrà in Europa nei prossimi decenni.

Questi fattori suggeriscono che mentre uno sforzo mondiale per seguire l’esempio nucleare svedese è possibile, non è probabile. “Finché le persone, le nazioni antepongono la paura degli incidenti nucleari alla paura del cambiamento climatico, è improbabile che queste tendenze cambino”, aggiunge Brook. Ma “nessuna tecnologia di energia rinnovabile o approccio all’efficienza energetica è mai stato implementato su una scala o un ritmo richiesto”.

Lascia un commento