Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


 

Dai voce alla tua attività ! Contattaci

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Interleuchina-33 coinvolta nell’immunità a SARS-CoV-2

I globuli bianchi svolgono un ruolo importante nella difesa contro i patogeni. Credito: MPI f. Biologia dello sviluppo / Jürgen Berger

All’inizio della pandemia, un team di immunologi dell’Istituto Max Planck di Immunobiologia ed Epigenetica di Friburgo e medici del Centro medico dell’Università di Friburgo hanno unito le forze per saperne di più sull’immunità nelle persone che si stanno riprendendo da infezioni COVID. Lo studio ha rivelato un coinvolgimento ancora sconosciuto dell’interleuchina 33, un importante segnale di allarme, quando le cellule immunitarie vengono esposte a SARS-CoV-2 per la seconda volta.

Dall’inizio della pandemia di coronavirus , scienziati e medici di tutto il mondo hanno intrapreso enormi sforzi per comprendere la malattia causata dal virus. Nel loro ultimo studio collaborativo, i ricercatori dell’Istituto Max Planck di Immunobiologia ed Epigenetica di Friburgo e medici del Centro medico dell’Università di Friburgo svelano una nuova caratteristica dell’immunità COVID-19, che potrebbe avere implicazioni per terapie future. Lo studio indica il coinvolgimento dell’interleuchina 33, un importante segnale di pericolo, quando le cellule immunitarie incontrano SARS-CoV-2 per la seconda volta.

“Abbiamo iniziato lo studio in una fase molto precoce della pandemia nel 2020, quando non si sapeva molto sulla risposta immunitaria post-infezione”, afferma Erika Pearce, capogruppo presso il Max Planck Institute of Immunobiology and Epigenetics. “Il nostro obiettivo era esaminare lo sviluppo dell’immunità nelle persone che si stanno riprendendo da COVID-19”.

Gli anticorpi rimangono in giro

Un’infezione da SARS-CoV-2 innesca una risposta immunitaria complessa necessaria per lo sviluppo dell’immunità al virus. In termini semplici, due rami collegati del nostro sistema immunitario devono ricordare il virus per prevenire la reinfezione, vale a dire le cellule B che producono anticorpi e le cellule T della memoria. Capire come ciò avvenga nell’infezione da SARS-CoV-2 è fondamentale per controllare la pandemia di COVID-19 e fondamentale per il successo degli sforzi di vaccinazione.

Per lo studio, il team ha esaminato campioni di sangue di 155 individui che per lo più avevano una malattia lieve. Hanno misurato la quantità di anticorpi contro la proteina spike SARS-CoV-2 e hanno scoperto che i pazienti mantengono livelli elevati di anticorpi più di due mesi dopo l’infezione, indicando che probabilmente saranno protetti dalla reinfezione. “Abbiamo pensato che questo fosse molto incoraggiante, ma volevamo anche capire meglio come il sistema immunitario avrebbe reagito a un secondo incontro con il virus”, dice Petya Apostolova, medico e ricercatore nel laboratorio di Erika Pearce.

Quando il virus colpisce la seconda volta

L’immunità efficace a un virus viene raggiunta quando nel sangue di una persona che si è ripresa dalla malattia o che è stata vaccinata sono presenti sufficienti anticorpi e cellule T della memoria. Per testare come ciò avvenga dopo COVID-19, il team ha esposto le cellule del sangue dei partecipanti che avevano anticorpi contro SARS-CoV-2 a una parte del virus. Hanno osservato che le cellule T della memoria si erano sviluppate e avevano risposto rapidamente alle proteine ​​virali. “Abbiamo misurato un ampio pannello di molecole che le nostre cellule immunitarie utilizzano per comunicare tra loro. È stato molto affascinante per noi che di tutte queste misurazioni, la quantità di interleuchina 33 fosse la più vicina alla quantità di anticorpi che le persone avevano e all’attivazione dei loro linfociti T della memoria “, spiega Apostolova. Interleuchina 33 (IL-33) viene rilasciato da cellule che avvertono il pericolo nel loro ambiente ed è stato precedentemente collegato a malattie polmonari croniche. IL-33 può avere effetti benefici attivando le cellule T e inducendo la produzione di anticorpi, ma può anche promuovere l’infiammazione del polmone. Per la prima volta , questo studio ha collegato la produzione di IL-33 all’immunità a SARS-CoV-2.

“Riteniamo che l’interleuchina 33, che viene normalmente prodotta come segnale di allarme, possa essere un importante collegamento tra la protezione e la gravità della malattia”, afferma Cornelius Waller del Medical Center dell’Università di Friburgo. Infatti, analizzando i dati pubblici delle cellule polmonari prelevate da pazienti durante l’infezione da SARS-CoV-2, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che l’interleuchina 33 è stata prodotta nei loro polmoni. Tuttavia, identificare le implicazioni di questi risultati anche nel contesto del danno al tessuto polmonare dopo gravi infezioni da COVID-19 richiederà ulteriori indagini.

Il gruppo di ricercatori spera che questa collaborazione continui. Waller ha detto: “Siamo stati in grado di scoprire tutto questo così rapidamente attraverso questa fantastica sinergia tra medici esperti nella cura dei pazienti COVID-19 ed esperti nel campo dell’immunologia”. I ricercatori sperano che questo studio possa aprire la strada a una migliore comprensione dell’immunità alla SARS-CoV-2 e ad altre infezioni virali.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter