Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Le increspature nel tessuto dell’universo possono rivelare l’inizio del tempo

Simulazione numerica delle stelle di neutroni che si fondono per formare un buco nero, con i loro dischi di accrescimento che interagiscono per produrre onde elettromagnetiche.

Simulazione numerica delle stelle di neutroni che si fondono per formare un buco nero, con i loro dischi di accrescimento che interagiscono per produrre onde elettromagnetiche. Crediti: L. Rezolla (AEI) & M. Koppitz (AEI & Zuse-Institut Berlin)

Gli scienziati sono avanzati nello scoprire come utilizzare le increspature nello spazio-tempo note come onde gravitazionali per guardare indietro all’inizio di tutto ciò che sappiamo. I ricercatori affermano di poter comprendere meglio lo stato del cosmo subito dopo il Big Bang imparando come queste increspature nel tessuto dell’universo fluiscono attraverso i pianeti e il gas tra le galassie.

“Non possiamo vedere direttamente l’ universo primordiale , ma forse possiamo vederlo indirettamente se guardiamo a come le onde gravitazionali di quel periodo hanno influenzato la materia e le radiazioni che possiamo osservare oggi”, ha affermato Deepen Garg, autore principale di un articolo che riporta i risultati nel Journal of Cosmology and Astroparticle Physics . Garg è uno studente laureato nel Princeton Program in Plasma Physics, che ha sede presso il Princeton Plasma Physics Laboratory (PPPL) del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (DOE).

Garg e il suo consigliere Ilya Dodin, che è affiliato sia alla Princeton University che al PPPL, hanno adattato questa tecnica dalla loro ricerca sull’energia di fusione , il processo che alimenta il sole e le stelle che gli scienziati stanno sviluppando per creare elettricità sulla Terra senza emettere gas serra o produrre lunghi scorie radioattive vissute. Gli scienziati della fusione calcolano come le onde elettromagnetiche si muovono attraverso il plasma, la zuppa di elettroni e nuclei atomici che alimenta le strutture di fusione note come tokamak e stellarator.

Si scopre che questo processo assomiglia al movimento delle onde gravitazionali attraverso la materia. “Fondamentalmente mettiamo i macchinari delle onde al plasma per lavorare su un problema di onde gravitazionali”, ha detto Garg.

Le onde gravitazionali, previste per la prima volta da Albert Einstein nel 1916 come conseguenza della sua teoria della relatività, sono perturbazioni nello spazio-tempo causate dal movimento di oggetti molto densi. Viaggiano alla velocità della luce e sono stati rilevati per la prima volta nel 2015 dal Laser Interferometer Gravitational Wave Observatory (LIGO) attraverso rilevatori nello Stato di Washington e in Louisiana.

Garg e Dodin hanno creato formule che potrebbero teoricamente portare le onde gravitazionali a rivelare proprietà nascoste sui corpi celesti, come le stelle distanti molti anni luce. Quando le onde attraversano la materia, creano luce le cui caratteristiche dipendono dalla densità della materia.

Un fisico potrebbe analizzare quella luce e scoprire le proprietà di una stella lontana milioni di anni luce. Questa tecnica potrebbe anche portare a scoperte sulla collisione di stelle di neutroni e buchi neri, resti ultra densi della morte delle stelle. Potrebbero persino potenzialmente rivelare informazioni su ciò che stava accadendo durante il Big Bang e i primi momenti del nostro universo.

La ricerca è iniziata senza alcuna idea di quanto potesse diventare importante. “Ho pensato che questo sarebbe stato un piccolo progetto di sei mesi per uno studente laureato che avrebbe comportato la risoluzione di qualcosa di semplice”, ha detto Dodin. “Ma una volta che abbiamo iniziato a scavare più a fondo nell’argomento, ci siamo resi conto che si capiva molto poco sul problema e che avremmo potuto fare un lavoro teorico molto basilare qui”.

Gli scienziati hanno ora in programma di utilizzare la tecnica per analizzare i dati nel prossimo futuro. “Ora abbiamo alcune formule, ma ottenere risultati significativi richiederà più lavoro”, ha detto Garg.

 

 

Lascia un commento