Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Nuovo farmaco provoca un effetto antidepressivo nei topi in sole due ore

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Un team di ricercatori che lavora presso la Nanjing Medical University in Cina, ha sviluppato un nuovo farmaco antidepressivo che provoca un effetto antidepressivo nei topi in sole due ore. Nel loro articolo pubblicato sulla rivista Science , il gruppo descrive il loro nuovo approccio al trattamento della depressione.

La depressione cronica è una delle forme più comuni di malattia mentale e gli scienziati medici hanno lavorato duramente alla ricerca di una cura. La maggior parte dei farmaci usati per trattare la condizione sono inibitori della ricaptazione della serotonina che riducono la depressione prendendo di mira i trasportatori della serotonina: sono genericamente noti come farmaci SERT. Funzionano aumentando i livelli di serotonina nel cervello. Sfortunatamente, tali farmaci possono richiedere molte settimane per avere un impatto e possono anche avere gravi effetti collaterali, come aumentare il rischio di suicidio. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno adottato un nuovo approccio: dissociando SERT e un enzima chiamato ossido nitrico sintasi neuronale (nNOS.)

I ricercatori si sono chiesti cosa potrebbe succedere se la serotonina si fosse dissociata da nNos nel cervello del topo. Pensavano che potesse portare a riduzioni della quantità di serotonina in una parte del cervello (il nucleo del rafe dorsale) e ad un aumento delle quantità in un’altra (la corteccia prefrontale mediale ). Il risultato, teorizzarono, dovrebbe essere un rapido miglioramento dei sintomi di depressione.

Per scoprirlo, hanno sviluppato un composto chiamato ZZL-7. Quando iniettato nei topi, ha modificato l’attivazione dei neuroni che producono serotonina nel nucleo dorsale del rafe e, così facendo, ha interrotto le interazioni tra i trasportatori della serotonina e nNos. Ciò ha portato a un aumento delle quantità di serotonina nella corteccia prefrontale mediale, che, suggeriscono, sarebbe probabilmente percepito negli esseri umani come una riduzione dei sintomi della depressione. Notano anche che poiché il cervello inizia ad aumentare la quantità di serotonina nella corteccia prefrontale mediale quasi subito, gli effetti del composto dovrebbero essere avvertiti entro un paio d’ore.

I ricercatori suggeriscono anche che la dissociazione di SERT e nNos come mezzo per combattere la depressione dovrebbe anche evitare gli effetti collaterali così comuni in altre terapie.

Lascia un commento