Archivi
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Un nuovo regime per la tubercolosi accorcia il corso del trattamento per i pazienti

La dottoressa Susan Dorman, qui raffigurata nel suo laboratorio presso la Medical University of South Carolina, ha condotto la sperimentazione del nuovo trattamento per la tubercolosi. Credito: Sarah Pack, Medical University of South Carolina.

La tubercolosi (TB) è un’infezione mortale che si verifica in ogni parte del mondo. Il trattamento standard per la tubercolosi, un regime multifarmaco di sei mesi, non è cambiato in più di 40 anni. I pazienti possono avere difficoltà a completare il lungo regime, rendendo più probabile lo sviluppo di resistenza al trattamento.

Un gruppo di ricerca guidato da un ricercatore della Medical University of South Carolina (MUSC) riferisce nel numero del 6 maggio del New England Journal of Medicine che un regime di trattamento di quattro mesi con rifapentina è efficace per il trattamento della tubercolosi. Ridurre la durata del trattamento è un passo importante verso una maggiore aderenza del paziente .

Solo nel 2019, 1,4 milioni di persone sono morte di tubercolosi in tutto il mondo. La tubercolosi è causata da un’infezione batterica che attacca i polmoni delle persone infette. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che un quarto della popolazione mondiale ha un’infezione da tubercolosi e quegli individui avranno un rischio tra il 5% e il 10% nel corso della vita di sviluppare la malattia completa della tubercolosi. Gli individui con un sistema immunitario compromesso, come le persone con HIV, hanno un rischio molto più elevato di sviluppare la tubercolosi.

“La tubercolosi colpisce spesso gli adulti nel pieno della loro vita”, ha detto Susan Dorman, MD, professore al College of Medicine del MUSC e primo autore dello studio. “Questa malattia e il trattamento possono sconvolgere la vita e trascinare le famiglie nella povertà”.

Mentre la tubercolosi è curabile e prevenibile, la tubercolosi multiresistente rimane una delle principali minacce per la salute pubblica. La resistenza si verifica quando i batteri sviluppano la capacità di sconfiggere i farmaci progettati per ucciderli. Quando un batterio nella colonia capisce come sconfiggere un particolare farmaco , può comunicare rapidamente quelle istruzioni ai batteri vicini, in modo simile all’invio di un messaggio di testo di gruppo.

L’attuale trattamento per le persone con un’infezione da tubercolosi attiva è un regime multifarmaco nel corso di sei-nove mesi. Poiché diversi antibiotici utilizzano meccanismi diversi per sconfiggere i batteri, la tubercolosi viene trattata con diversi antibiotici contemporaneamente per ridurre le possibilità che i batteri diventino resistenti ai farmaci.

“L’adesione dei pazienti al regime di tassazione dei farmaci è stato un enorme problema in tutto il mondo, ed è il fattore principale che ha dato origine a forme di tubercolosi molto resistenti ai farmaci che sono molto più tossiche, costose e lunghe da trattare”, ha affermato. Dorman.

Ridurre il tempo necessario per curare la tubercolosi è stato a lungo un importante obiettivo di salute pubblica. Più pazienti completano i loro trattamenti per la tubercolosi, meno è probabile che i batteri scappino con la conoscenza per sconfiggere un particolare farmaco e continuare il filo del messaggio di gruppo ad altri batteri.

“L’accorciamento del tempo di trattamento migliora l’aderenza, riduce i costi dei programmi e riduce gli oneri sui pazienti stessi”, ha spiegato Dorman.

Dorman e il suo team al MUSC hanno lavorato sia con un Centers for Disease Control and Prevention (CDC) che con un gruppo di studi del National Institutes of Health per trovare un modo per ridurre la durata complessiva del trattamento necessario per curare completamente la malattia.

Il team si è concentrato su un farmaco chiamato rifapentina. Questo farmaco è simile all’antibiotico utilizzato nell’attuale protocollo di trattamento della tubercolosi, ma rimane efficace nel corpo per periodi di tempo più lunghi. Nel corso di 15 anni, Dorman e il suo team eseguite fase preclinica e dei primi studi clinici per determinare il modo migliore per utilizzare questo farmaco. Hanno determinato quale dosaggio somministrare, con quale frequenza può essere somministrato il farmaco e quali altri antibiotici associarlo. Hanno quindi avviato uno studio di fase III mondiale con il TB Trials Consortium e il gruppo di sperimentazione clinica sull’AIDS.

I pazienti con infezioni da tubercolosi attiva sono stati trattati con uno dei due regimi a base di rifapentina di quattro mesi o il regime standard di sei mesi. Sono stati seguiti per 12 mesi. I risultati dello studio hanno rivelato che il regime di quattro mesi contenente rifapentina e un altro antibiotico, la moxifloxacina, ha funzionato altrettanto bene del regime di sei mesi. Era anche sicuro e ben tollerato dai pazienti.

Dorman e il suo team sperano che questi risultati cambieranno il modo in cui la tubercolosi viene attualmente trattata. Negli Stati Uniti, i risultati della loro sperimentazione saranno presentati alla Food and Drug Administration (FDA). Dopo che la FDA avrà esaminato i dati, il CDC sarà coinvolto e fornirà indicazioni sulla modifica del regime di trattamento. Questo processo potrebbe richiedere altri 12 mesi per essere completato. Nel frattempo, Dorman e il suo team si sono incontrati con i rappresentanti dell’OMS per sviluppare linee guida per il nuovo trattamento.

“Siamo fiduciosi che l’OMS adotterà questo regime e lo raccomanderà in tutto il mondo”, ha affermato Dorman.

I risultati di questo ampio studio di fase III sottolineano l’importanza della partecipazione e della collaborazione globali.

“Il nostro intento era quello di arruolare partecipanti che riflettessero la popolazione mondiale complessiva di persone con tubercolosi in modo che i nostri risultati fossero generalizzabili”, ha affermato Dorman.

Hanno anche fatto in modo di includere i minori di 18 anni, insieme alle persone che hanno l’HIV. Le persone che vivono con l’HIV hanno 18 volte più probabilità di sviluppare la tubercolosi attiva rispetto alle persone senza HIV. La combinazione di HIV e TB è particolarmente letale perché il virus HIV attacca le principali cellule immunitarie che aiutano a coordinare una difesa contro i batteri della tubercolosi. È importante sottolineare che i pazienti con HIV hanno eliminato la loro tubercolosi così come quelli senza HIV in questo studio di fase III.

“Questo lavoro rappresenta davvero una pietra miliare nella cura della tubercolosi e parte del lavoro scientifico incorporato in questo studio aiuterà noi e altri a capire come migliorare ancora di più il trattamento della tubercolosi”, ha affermato Dorman. “Quattro mesi sono ancora troppi”.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter