Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Un nuovo trattamento abbina la luce blu con un olio vegetale sicuro per gli alimenti per eliminare in modo sicuro i batteri superficiali

Credito: dominio pubblico CC0

Un nuovo trattamento per eliminare i batteri superficiali utilizzando la luce blu e il carvacrolo, un fenolo derivato da oli commestibili, crea una reazione fotossica specifica dei batteri che non contribuisce alla resistenza agli antibiotici. La tecnica, sviluppata dai ricercatori della Harvard Medical School e della Shanghai Jiao Tong University School of Medicine, è descritta in Science Translational Medicine .

Gli antibiotici orali e topici sono stati ampiamente utilizzati dagli anni ’40 , quando hanno salvato la vita e gli arti di migliaia di soldati e civili feriti nella seconda guerra mondiale. È difficile sopravvalutare quante vite sono state salvate o migliorate attraverso la farmacologia antibiotica, ma l’efficacia di molti trattamenti in standby sta ora rapidamente diminuendo poiché i batteri mutano per resistere ai nostri trattamenti comuni.

“I batteri multiresistenti (MDR) sono diventati una delle maggiori minacce per la sanità pubblica del nostro tempo e stiamo rapidamente esaurendo le opzioni di trattamento perché sono disponibili sempre meno antibiotici per trattare queste infezioni. Le infezioni sono associate ad alta mortalità , portando a circa 35.000 morti ogni anno solo negli Stati Uniti “, afferma il dottor Mei X. Wu, professore associato presso la Harvard Medical School e autore corrispondente della ricerca. Ma la perdita di vite umane non è l’unico fattore che contribuisce ai danni causati dalla resistenza antibatterica. “Un costo stimato della resistenza agli antibiotici supera i 55 miliardi di dollari all’anno quando la perdita di produttività è inclusa nella stima”, aggiunge il dottor Wu.

Sebbene siano in fase di sviluppo diversi metodi per il trattamento delle infezioni interne , questo trattamento in due fasi è perfettamente adatto per un trattamento facile ed efficace delle infezioni delle ferite superficiali. Il dottor Wu descrive il processo: “Combiniamo il carvacrolo, un ingrediente degli oli commestibili, con la luce blu per uccidere in modo sicuro e rapido più agenti patogeni batterici MDR rapidamente senza incorrere in alcuna resistenza. … Questa modalità può essere un’alternativa per i pazienti, in particolare, pazienti diabetici con infezioni della ferita della pelle che non possono essere trattate efficacemente con antibiotici “. Tali ferite sono difficili da trattare e causano un notevole disagio e infezioni secondarie.

Il carvacrolo è un composto fenolico a lungo utilizzato come conservante nella produzione alimentare; è derivato da oli essenziali di timo e origano, si trova naturalmente in molte piante commestibili ed è sicuro per uso topico e interno. La terapia prevede il trattamento di una ferita superficiale con carvacrolo e quindi l’applicazione della luce blu per creare una reazione fototossica specifica per i batteri. Il trattamento “può essere usato comodamente a casa poiché il carvacrolo è commestibile e la luce blu è stata utilizzata in modo sicuro nelle cliniche per il trattamento dell’acne e dell’ittero neonatale”, spiega il dottor Wu.

Lo studio si è concentrato su Acinetobacter baumannii e Staphylococcus aureus resistente alla meticillina, due batteri patogeni prevalenti che sono notoriamente difficili da trattare con metodi attualmente approvati. Inoltre, i topi infettati dal letale Pseudomonas aeruginosa sono stati salvati utilizzando la nuova strategia.

Dalla ricerca: “Studi meccanicistici hanno rivelato che il carvacrolo è stato fotocataliticamente ossidato in una serie di substrati fotoreattivi che sono stati sottoposti a fotolisi o reazioni di fotosensibilizzazione aggiuntive in risposta alla stessa luce blu, formando due cicli di autoossidazione che hanno interagito tra loro determinando una robusta generazione di reattivi citotossici specie di ossigeno. ” Con una sola applicazione, i ricercatori hanno scoperto che l’eradicazione sostanziale o completa dei batteri del biofilm con poche o nessuna reazione avversa nel paziente. Dopo 20 applicazioni ripetute, i ricercatori non hanno riscontrato alcuna resistenza antibatterica. Né il carvacrolo né la luce blu da soli hanno prodotto risultati comparabili.

“È necessario uno studio con un animale di grandi dimensioni come i suini per verificarne l’efficacia prima dello studio clinico”, spiega il dottor Wu, al fine di ottenere l’approvazione della FDA. Se il trattamento viene ritenuto efficace, sarà relativamente a basso costo e abbastanza facile da somministrare autonomamente a casa.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter