Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

I marcatori a base di sangue possono rivelare la malattia di Alzheimer dieci anni prima che si manifestino i sintomi

Attestazione: CC0 Pubblico dominio

La malattia di Alzheimer inizia decenni prima della comparsa di qualsiasi sintomo, come la perdita di memoria. Di conseguenza, la diagnosi precoce aumenta le possibilità di rallentare la malattia con i farmaci. Un nuovo studio su una forma ereditaria della malattia mostra che una proteina chiamata GFAP è un possibile biomarcatore per gli stadi molto precoci della malattia. Lo studio, condotto dai ricercatori del Karolinska Institutet e pubblicato sulla rivista Brain , potrebbe un giorno portare a una diagnosi precoce di questa grave e comune malattia.

“I nostri risultati suggeriscono che GFAP, un presunto biomarcatore per le cellule immunitarie attivate nel cervello , riflette i cambiamenti nel cervello dovuti all’Alzheimer che si verificano prima dell’accumulo della proteina tau e del danno neuronale misurabile”, afferma la prima autrice dello studio Charlotte Johansson, dottoranda studente presso il Department of Neurobiology, Care Sciences and Society, Karolinska Institutet, Svezia. “In futuro potrebbe essere utilizzato come biomarcatore non invasivo per l’attivazione precoce di cellule immunitarie come gli astrociti nel sistema nervoso centrale, che possono essere preziose per lo sviluppo di nuovi farmaci e per la diagnostica delle malattie cognitive”.

La malattia di Alzheimer causa dal 60 al 70% di tutti i casi di demenza, secondo la Swedish Brain Foundation. Nella malattia di Alzheimer, le cellule nervose nel cervello degenerano a causa dell’accumulo anomalo delle proteine ​​beta-amiloide e tau. Man mano che più neuroni cerebrali vengono danneggiati, ciò si manifesta nella disfunzione delle funzioni cognitive come la memoria e la parola.

La malattia progredisce insidiosamente e i cambiamenti biologici nel cervello iniziano già da 20 a 25 anni prima che la perdita di memoria e altri sintomi cognitivi diventino evidenti. Prima viene diagnosticata correttamente a un paziente, prima gli verrà offerto il trattamento giusto. Questo è uno dei tanti motivi per cui sono necessarie ulteriori ricerche su metodi di diagnosi precoce precisi e facili da usare.

I ricercatori del Karolinska Institutet e i loro colleghi del Landspitali University Hospital in Islanda, dell’Università di Göteborg e dell’University College di Londra nel Regno Unito hanno studiato i biomarcatori nel sangue per i cambiamenti patologici molto precoci in una forma rara ed ereditaria di malattia di Alzheimer che rappresenta meno dell’1% di tutti i casi. Gli individui con un genitore con malattia di Alzheimer causata da una mutazione hanno un rischio del 50% di sviluppare la malattia da soli.

Per il loro studio, i ricercatori hanno analizzato 164 campioni di plasma sanguigno da 33 portatori di mutazione e 42 parenti senza la predisposizione patogena ereditaria. I dati sono stati raccolti tra il 1994 e il 2018.

I loro risultati rivelano chiari cambiamenti di diverse concentrazioni di proteine ​​del sangue nei portatori di mutazione.

“Il primo cambiamento che abbiamo osservato è stato un aumento della GFAP (proteina acida fibrillare gliale) circa dieci anni prima dei primi sintomi della malattia”, afferma l’ultima autrice dello studio Caroline Graff, professoressa presso il Dipartimento di Neurobiologia, Scienze della Cura e Società, Karolinska Institutet. “Questo è stato seguito da un aumento delle concentrazioni di P-tau181 e, successivamente, di NfL ( proteina leggera del neurofilamento ), che già sappiamo essere direttamente associata all’entità del danno neuronale nel cervello dell’Alzheimer. Questa scoperta sulla GFAP migliora le possibilità di diagnosi precoce .”

 

Lascia un commento